“La cravatte soddisfano il desiderio dell’uomo moderno di vestirsi con arte.” (Harry Anderson)

Il simbolo dell’eleganza maschile. L’accessorio che da sempre accompagna e definisce lo stile italiano. Uno dei primi capi indossati dagli uomini di tutti i tempi, che nel tempo ha subito una notevole evoluzione, nei materiali e nei modelli. Nel panorama della sartoria internazionale le cravatte artigianali italiane conquistano i gusti di larga parte del pubblico maschile, conquistandosi un posto “sul cuore” dei più eleganti.

In origine i soldati utilizzavano la cravatta di stoffa come protezione dal freddo: siamo nel 1600. Poi la novità stilistica venne introdotta all’interno delle corti e comparvero i primi dettagli, come merletti e nastri di seta. La moda delle cravatte sartoriali cominciò quindi a diffondersi in tutto il mondo, indossata dai ricchi e dai dandy. Con la rivoluzione del settore tessile il mercato fu invaso dalle cravatte che fecero da ispirazioni ai modelli moderni: lunghe e strette erano le cravatte alla marinara. Fu l’americano Jesse Langsdorf a tagliare il tessuto della cravatta in diagonale, dando vita all’accessorio immancabile nel guardaroba maschile. Colorata, monocromatica, a fantasia, disponibile nei più svariati materiali, la cravatta è il dettaglio che fa l’uomo elegante, ma che nel colore giusto può diventare anche informale e spiritoso. 

Una lunga storia fatta di passioni e tradizione: questa la caratteristica che accomuna le aziende italiane che ancora oggi si cimentano nella delicata arte del confezionamento di cravatte. Prodotti artigianali, di alta qualità, unici nel loro genere, frutto di un processo di lavorazione estremamente accurato. Quando si acquista una cravatta sartoriale si onora il lavoro delle abili mani di tagliatore, cucitore e orlatore, persona specializzate nel fare la differenza. 

Cravatte italiane

Cravatte italiane

Come nasce una cravatta sartoriale? 

Prima di tutto c’è il disegno. Si abbozza prima la punta, fondamentale per il taglio, eseguito con dime, forbici e gessetti. Una cravatta tagliata in perfetto sbieco non corre il rischio di girarsi e resta impeccabilmente al suo posto. Poi si passa alla cucitura, realizzata con un unico filo interno e continuo. 

Lo scorrevole, ovvero l’anello di cotone che avanza dalla cucitura, è il segnale che distingue una cravatta sartoriale da tutte le altre: garantisce elasticità alla cravatta e ne compensa gli assestamenti nel tempo. Anche le chiusure invisibili dei travetti e le anime di pregio fanno una buona cravatta. Neanche a dirlo, poi, le cravatte Made in Italy sono confezionate con materiali di pregio, come la seta, la lana, il cotone, il cachemire e il lino. 

Qualità e innovazione vanno a braccetto nell’alta sartoria del Bel Paese, che guarda al futuro, continuando a garantire il valore dei propri capi. Scopriamo insieme le migliori cravatte italiane

Ditta Cravatte Classic

60 anni di storia e tradizione. Nel 1952 Giorgio Gentelli e la moglie Maria iniziano a confezionare cravatte sartoriali nel salotto di casa, per poi rivenderle. Il grande e inaspettato successo li spinge ad aprire la Cravatte Classic s.r.l., un laboratorio creativo che diventa il miglior cravattificio bolognese. Innovazione e tradizione sono i pilastri su cui si fonda l’azienda, all’interno della quale ogni cravatta prende vita in modo autonomo, che sia in seta, in filo jacquard,o in lana.

E. MARINELLA

Alle cravatte Marinella, Iex ha dedicato ampio spazio con un articolo che ne racconta la storia e l’evoluzione. Basti pensare che le migliori cravatte napoletane confezionate da Eugenio Marinella e figlia hanno cinto il collo dei grandi del mondo. Uno storico atelier a Napoli e diversi showroom in tutto il mondo, simbolo di un successo che non conosce confini di tempo e spazio. 

E.Marinella

E.Marinella

Maison Cilento

Una storica azienda napoletana, fondata nel 1780. Otto generazioni di cravattai, specializzati nel confezionamento di abiti, camicie, accessori e cravatte sartoriali. Cravatte eleganti e raffinate, come è tradizione nei laboratori napoletani. Tra le cravatte sartoriali di Napoli spicca la cravatta sette pieghe, la più elegante delle cravatte particolari

Maison Cilento

Maison Cilento

Quaranta Locatelli

Di fondazione recente, questo brand del 2008 è diventato subito di successo. Sotto il sole di Partenope le cravatte vengono lavorate con tessuti pregiati. La cravatta di seta è protagonista, ma anche il cachemire viene apprezzato. Fuoulard, papillon e cravatte colorate sono il fiore all’occhiello di questa giovane azienda, attenta ai dettagli. 

Quaranta Locatelli

Quaranta Locatelli

Graffeo cravatte

Quando si parla di sartoria Made in Italy, non si può non menzionare quest’azienda, nata nel 1992, leader nell’alta moda e nel confezionamento di cravatte di lusso. Stoffe pregiate sono selezionate con cura per essere sempre al passo con le nuove tendenze: le migliori cravatte per soddisfare anche i più esigenti. 

Graffeo cravatte

Graffeo cravatte

Italo Ferretti

Negli anni ’60 in Abruzzo, nacque un’azienda che è riuscita a scalare le vette del successo internazionale nel settore delle cravatte su misura. La tradizione cammina accanto alla voglia di novità, che non manca mai, e alla determinazione che ha portato il brand a realizzare tutta una serie di brevetti per le cravatte italiane fatte a mano. La collezione più famosa? Quella del 1977/78 ispirata alla Saga di Star Wars.

Italo Ferretti

Italo Ferretti

BRAM

Sulle rive del lago di Como nasce la poesia, come direbbe Manzoni. Ma in epoca contemporanea nascono anche cravatte italiane famose, dalle mani e dal talento di Bruno ed Andrea, due giovani imprenditori che hanno rivisitato la classica cravatta rendendola più moderna, frizzante e vivace. Raso con chiffon, pizzo e tante fantasie sono gli elementi caratterizzanti di questi accessori, disponibili in tre stili differenti: cappuccio, sfoderante, volante. 

BRAM

BRAM

ULTURALE NAPOLI

Uno dei simboli dell’eccellenza italiana, fin dagli anni 80. Cravatte con disegni curati nei minimi particolari e interamente realizzate a mano. La tradizione napoletana impregna ogni singolo filo di tessuto e guida l’abilità delle sarte che confezionano accessori unici e affascinanti. 

ULTURALE NAPOLI

ULTURALE NAPOLI

SILVIO FIORELLO

Dal 1986 in Sicilia mettersi la cravatta vuol dire indossare un accessorio di primissima qualità confezionato a mano dall’azienda Fiorello. Il punto di forza di Silvio Fiorello è la possibilità di customizzare i prodotti: ogni cliente può quindi scegliere il proprio modello tra le diverse misure di cravatte, con la fantasia più originale e personale. 

SILVIO FIORELLO

SILVIO FIORELLO

SCHIAVI CRAVATTE

Dall’idea di una giovane società di promozione e dal talento del confezionista Sandro Schiavi è nato un brand che sta spopolando a livello internazionale. La tradizione comasca del “fare le cravatte” incontra il favore delle nuove generazioni con prodotti di altissima qualità. Il fiore all’occhiello della produzione è la cravatta in seta grenadine, segno distintivo di qualità e di raffinatezza.

SCHIAVI CRAVATTE

SCHIAVI CRAVATTE

Un nodo che lega sartoria e moda, tradizione e innovazione, eleganza e fantasia. Attraverso l’abilità, il talento, l’artigianalità l’Italia confeziona le migliori cravatte sartoriali: pezzi unici, raffinati, di alta qualità, frutto di una passione ereditaria che attraversa le generazioni.