This post is also available in: English Español

C’era una volta un castello. Quante delle fiabe che hanno appassionato i bambini di tutte le età cominciano con questa semplice frase? Beh, quasi tutte, perché in ogni fiaba che si rispetti c’è un castello. Per un viaggio da fiaba, l’Italia sembra proprio il posto adatto, con i suoi tanti castelli da visitare. Medievali, gotici, normanni, sul mare o arroccati, i castelli italiani sono un vero e proprio patrimonio, non sempre custodito nel modo più adeguato, ma capace di incantare i turisti di tutte le età. E allora via, in un viaggio che attraversa tutta la penisola, da Nord a Sud, alla scoperta dei castelli da visitare in Italia.

Rocca delle camminate

La Rocca delle camminate

Castelli d’Italia: un tuffo nel suggestivo passato di una terra ricca di Storia

La mappa dei castelli più belli d’Italia è molto corposa. Lungo lo Stivale sono disseminate fortezze che raccontano la Storia del Bel Paese, le diverse dominazioni straniere che lo hanno attraversato. Ogni regione presenta una peculiarità, con tracce di stili architettonici ormai scomparsi. I castelli in Italia sono davvero tanti, tutti immersi in scenari mozzafiato, che fanno da cornice ad un passato che non vuole essere dimenticato. Pietre che parlano, raccontano, fanno sognare e tra gli androni silenziosi sembra quasi di sentire gli zoccoli dei cavalli, il vociare dei cortigiani e la musica delle feste del re, quelle a cui il popolo non poteva partecipare. Tutto si compiva fra quelle “quattro mura” destinate alla protezione della famiglia reale, ma anche alla celebrazione dei fasti della nobiltà di un tempo. Ecco, da Nord a Sud, i castelli da inserire nella lista dei luoghi da visitare.

I castelli più belli d’Italia: le fortezze delle grandi casate del Nord

Nominarli tutti sarebbe davvero impossibile, ma ecco una carrellata dei principali castelli del Nord Italia.

CASTELLO SCALIGERO DI MALCESINE, VENETO

Uno sperone roccioso. Un imponente castello medievale che si affaccia sul Lago di Garda. Ci troviamo a Malcesine, un borgo romantico e caratteristico. Nel 1300 la casata degli Scaligeri decise di riedificare il castello costruito dai Longobardi e poi distrutto dai Franchi: nascono così le merlature a coda di rondine, tipiche dell’epoca. Innamorarsi qui è d’obbligo, di fronte allo spettacolo che si spalanca alla vista: il luccichio delle acque del lago e il paese ai propri piedi.

ROCCA SCALIGERA DI SIRMIONE, LOMBARDIA

Non ci si deve spostare di molto per ammirare un’altra fortezza scaligera, questa volta in territorio lombardo. A Sirmione c’è uno dei castelli più famosi d’Italia che conquista immediatamente il cuore di chi si trova ad ammirare le sue fattezze. La natura si confonde con la tecnica, la vegetazione sfida la pietra, in un equilibrio secolare che risale addirittura all’epoca romana. Nessuna cartolina può rendere l’infinita bellezza degli scorci mozzafiato e della maestosità del castello di Sirmione.

Rocca scaligera di Sirmione

Rocca scaligera di Sirmione

FORTE DIAMANTE, LIGURIA

La pianta di questa castello ricorda una stella a quattro punte. Una rarità settecentesca che lascia sbigottiti. La fortezza, primo baluardo difensivo della città di Genova, è costruita su un monte dal nome evocativo: Diamante. Prezioso il posto, preziosa la costruzione divenuta un simbolo della storia della Repubblica di Genova e degli Asburgo.

CASTELLO DI MIRAMARE, FRIULI-VENEZIA GIULIA

Tra i più bei castelli sul mare troviamo questo gioiellino incastonato nel golfo di Trieste. La residenza prediletta della corte Asburgica, che la considerava il fortino più elegante del regno. Nelle decoratissime sale si amarono Ferdinando Massimiliano d’Asburgo e Carlotta del Belgio. Cullato dal mar Adriatico e circondato da un parco definito nei minimi dettagli, il castello conserva ancora oggi gli arredi originali dell’epoca vissuta dalla corte. L’esterno è bianco, perlato, colore che lo rende un vero e proprio castello da favola.

Castello Di Miramare

Castello Di Miramare

FORTE DI BARD, VALLE D’AOSTA

Toccando le estreme vette dei confini settentrionali italiani troviamo una piccola “bomboniera” valdostana: “Bard”, borgo medievale rimasto pressoché intatto e dominato da un castello ottocentesco perfettamente conservato. Il tempo sembra essersi fermato nei tre edifici che compongono la fortezza, disseminati su tre livelli diversi. 15.000 m di storia e leggenda, con all’interno il Museo delle Alpi, dedicato ai monti più famosi d’Italia. Poco più di 160 abitanti “affollano” le strade di questo gioiellino valdostano, luogo di uno storico assedio di Napoleone, ricordato da Stendhal nei suoi scritti e amato da un giovanissimo Camillo Benso Conte di Cavour.

forte di Bard

Forte di Bard

CASTELLO DI TORRECHIARA, EMILIA ROMAGNA

Sospeso tra Medioevo e Rinascimento, il castello di Torrechiara svetta nel cielo del territorio emiliano come esempio tra i più significativi e meglio conservati di architettura castellare italiana. Le sue sale accoglievano un tempo una corte numerosissima che amava stare al sicuro: a difendere la fortezza ben tre giri di mura e torri di diversa altezza per non perdere mai di vista nessun punto dell’orizzonte. Si resta incantati di fronte alla bellezza della “Camera d’Oro”, creata da Benedetto Bembo, per celebrare la delicata storia d’amore tra Pier Maria Rossi, signore del castello, e Bianca Pellegrini.

castello di Torrechiara

Castello di Torrechiara

CASTELLO DI FENIS, VALLE D’AOSTA

Tra i castelli famosi c’è sicuramente quello di Fenis, dalla caratteristica pianta pentagonale. Pensato per essere prima di tutto un’opera d’arte e poi una fortezza, il castello aostano è cinto da un doppio giro di mura merlate ed è adagiato soavemente su una collina, come portato dal vento o dalla bacchetta magica di un vecchio mago. Oggi il castello è proprietà della Regione, che ha provveduto al restauro di quella che è diventata una suggestiva costruzione rurale.

ROCCA DI BRISIGHELLA, EMILIA ROMAGNA

Basta uno sguardo per capire dove ci troviamo: la Rocca Manfrediana e la Torre dell’Orologio caratterizzano il paesaggio di Brisighella, a qualche manciata di chilometri da Faenza. Edificato nel 1300 dai Manfredi, questo castello passò di padrone in padrone, finendo affidato prima ai Borgia, poi ai Veneziani e infine allo Stato Pontificio. La scala principale è una passeggiata nella storia: dai richiami alle grotte preistoriche della Vena del Gesso per motivi funerari e di culto, all’età Romana con lo sviluppo dell’attività estrattiva del prezioso lapis specularis (vetro di pietra) fino ad arrivare al Medioevo e al Rinascimento, periodo segnalato dalla presenza di creste gessose.

rocca di Brisighella

Rocca di Brisighella

CASTELLO DI MAROSTICA, VENETO

Leggenda narra che Dante Alighieri abbia passeggiato per le maestose sale di questa fortezza che domina la cittadina in provincia di Vicenza. Ad aprire le porte della sua dimora al poeta fu Cangrande della Scala, che si prese la briga di “restaurare” la vecchia costruzione, unendo il Castello Superiore e il Castello Inferiore. Le mura sembrano due braccia che avvolgono il contado circostante, simbolo di protezione del signore verso la sua gente. Tra i tanti castelli in Veneto, questo è sicuramente il più ricco di Storia.

CASTELLO SFORZESCO DI MILANO, LOMBARDIA

Nella lista dei castelli da visitare in Lombardia non può la bellissima fortezza degli Sforza di Milano, che si erge maestosa insieme alla Torre del Filarete. Lo scopo principale della costruzione era la difesa, ma senza rinunciare ai dettagli esterni, che lo rendono sobrio, ma elegante. Le diverse dominazioni subite dai milanesi lo hanno reso un simbolo di amore e odio agli occhi della gente lombarda. Oggi è uno dei monumenti italiani più visitati di sempre, meta dei turisti di ieri, oggi e domani.

castello sforzesco milano

Castello Sforzesco di Milano

CASTELLO DI VERRÈS, VALLE D’AOSTA

Il prestigioso palcoscenico del Carnevale Storico verreziese in cui si rievoca, tra storia e leggenda, l’epopea della contessa Caterina di Challant, signora di uno dei castelli medievali più belli d’Italia. Immensi e sfarzosi saloni in cui la giovane nobiltà valdostana amava riunirsi per le feste più pompose. Una volta all’anno quelle sale tornano ad illuminarsi, si riempiono di costumi ed allegria, le lancette dell’orologio corrono indietro nel tempo e il castello torna a vivere.

castello di verres

Castello di Verres

CASTELLO D’ISSOGNE, VALLE D’AOSTA

L’estremo Nord Italia è sicuramente l’area più ricca di castelli e fortezze. A caratterizzare questo maniero medievale è l’ampio cortile interno, dove un tempo si affollavano le botteghe degli artigiani e i piccoli banchi del mercato di frutta e verdura. Il coloratissimo porticato è un raro esempio di pittura alpina medievale con scene tratte dalla vita quotidiana del tardo Medioevo.

castello di Issogne

Castello di Issogne

CASTELLO ESTENSE, EMILIA ROMAGNA

La prima pietra fu posata simbolicamente il 29 settembre 1385, giorno di San Michele, protettore dei castelli, appunto. Il simbolo di una delle casate più importanti d’Italia ha attraversato tutte le epoche, giungendo quasi intatto fino a noi. Nella lista dei castelli famosi merita sicuramente un posto sul podio, con le sue quattro torri circondate dal fossato, i rossi mattoni di cotto, le eleganti balaustre bianche, le prigioni e le sale per i giochi e il diletto di corte.

castello estense

Castello Estense

CASTEL COIRA, TRENTINO ALTO ADIGE

500 anni di Storia, una loggia con colonne di marmo e volta rinascimentale, l’armeria più grande d’Europa con oltre 50 corazze dei Signori del Castello elaborate su misura dai più famosi artigiani dell’epoca. Uno dei rari esempi di castelli gotici in Italia, che si erge maestoso sul territorio di Bolzano.

castel Coira

Castel Coira

CASTELLO DI ASOLO, VENETO

Ci sono moltissimi splendidi castelli da visitare in Veneto, ma la fortezza di Treviso è letteralmente saldata alla storia della cittadina in cui sorge. Le sue mura sono fuse con quelle del borgo di Asolo, a testimoniare la stretta dipendenza tra passato e presente in un posto senza tempo. Dimora dei podestà veneziani prima e dell’amministrazione pubblica del paese poi, il castello veneto ha saputo riadattarsi nel tempo, cambiando vocazione ma non fascino.

castello di Asolo

Castello di Asolo

I castelli più belli d’Italia: il magico intreccio di Storia e Natura nel Centro del Bel Paese

Spostandoci verso il centro della penisola, troviamo alcuni esempi dei più bei castelli medievali in Italia.

ROCCA CALASCIO, ABRUZZO

Una ben conservata fortificazione medievale all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, a quasi 1500 m di altezza. La vista si riempie di meraviglia davanti all’imponente maschio centrale che sovrasta le quattro torri angolari. Sotto, come tanti satelliti di un maestoso pianeta, piccoli borghi medievali appaiono disseminati tra monti e valli. Un castello da favola, anzi da film: è stato scelto come set cinematografico per pellicole quali Il nome della rosa e Ladyhawke.

CASTEL SANT’ANGELO A ROMA, LAZIO

Tra i castelli famosi d’Italia la medaglia d’oro spetta al celebre Mausoleo di Adriano. La passeggiata lungo il Tevere lungo il Ponte degli Angeli accompagna il visitatore verso uno dei luoghi cult della Capitale. Roma è cambiata, il mondo è cambiato, anche le funzioni del castello sono cambiate: da monumento funerario ad avamposto fortificato, poi prigione, dimora rinascimentale e museo. Ma da duemila anni lo sguardo degli italiani continua a poggiarsi su queste splendida eredità di epoca romana.

castel Sant'Angelo

Castel Sant’Angelo

ROCCA ALBORNOZIANA DI SPOLETO, UMBRIA

Nel 1300 Papa Innocenzo VI e Egidio Albornoz, cardinale spagnolo, decisero di donare alla cittadina questo baluardo difensivo di forma rettangolare, circondato da un’altissima muraglia. Il pozzo rinascimentale nella corte interna è il ricordo della reggenza di Lucrezia Borgia come governatrice del Ducato. Uno dei castelli più belli da visitare in Umbria.

rocca Albornoziana

Rocca Albornoziana

ROCCA MONALDESCHI DELLA CERVARA, LAZIO

Tra i tanti castelli nel Lazio, questo, costruito per contrastare le incursioni di Federico Barbarossa, è uno dei più suggestivi, con vista diretta sul lago di Bolsena, in provincia di Viterbo. È tutto improntato alla creatività in questa originalissima fortezza: pianta irregolare e quattro torri angolari di stile diverso.

CASTELLO PANDONE DI VENAFRO, MOLISE

La passione per i cavalli di Enrico Pandone, signore del castello molisano, spicca in ogni dettaglio della costruzione longobarda. Sale, affreschi, ambienti interni ed esterni sono dedicati al nobile animale, amato dal conte più delle sue donne.

Castello Pandone di Venafro

Castello Pandone di Venafro

CASTELLO RUSPOLI, LAZIO

Un enorme giardino labirintico circonda uno dei castelli più belli del viterbese. Qui il giardino all’italiana ha raggiunto la sua massima espressione: un perfetto disegno geometrico al centro del quale sorge una grande vasca con fontana circondata da quattro arcate di balaustre.

CASTEL DELLA GUAITA, REPUBBLICA DI SAN MARINO

La maggiore delle tre rocche che sorvegliano la città. Una torre messa lì a “fare la guardia”, come dice il nome. Il castello è stato utilizzato nei secoli anche come rifugio per la popolazione e prigione.

Castello della Guaita

Castello della Guaita

CASTELLO BANFI, TOSCANA

Sorseggiare un buon bicchiere di vino, immersi nella vista meravigliosa delle colline toscane? Sì, ma dalla cima di un castello è ancora meglio. La vecchia fortezza di Poggio alle Mura venne eretta nel XIV secolo in una posizione strategica: tra Siena, il monte Amiata e la Maremma. Oggi è la sede di un’importantissima azienda vinicola che ha rilevato la tenuta e le ha dato nome e marchio.

castello Banfi

Castello Banfi

CASTELLO DI MALASPINA, TOSCANA

Uno dei castelli medievali più suggestivi del territorio toscano è oggi una struttura che ospita numerose mostre di arte contemporanea. Sulla fortezza aleggia lo spirito della bella Bianca, una giovane della Malaspina, che venne torturata e rinchiusa nei sotterranei per aver disobbedito al padre, il Signore di Fosdinovo. Solo leggenda?

I castelli più belli d’Italia: la Storia del Sud illuminata dal sole e bagnata dal mare

CASTELLO ARAGONESE DI ISCHIA, CAMPANIA

Tracce di storia incise a fondo in una delle fortezze più belle del Sud Italia. Il tiranno di Siracusa Gelone si innamorò dell’isola campana e decise di sistemarsi qui, ergendo sulla roccia la sua imponente dimora. Furono però gli Aragonesi a donare al castello l’aspetto che possiamo osservare oggi, qui a picco sul mare, circondati da un paesaggio che non ha eguali.

Castello Aragonese di Ischia

Castello Aragonese di Ischia

CASTEL DELL’OVO, CAMPANIA

Il romanticismo è di casa a Napoli e non c’è posto più romantico del castello campano che collega la terraferma al golfo. Dalla terrazza, completamente illuminata dal sole, è possibile ammirare un panorama che spezza letteralmente il fiato. L’unico respiro percepito è quello della grande Storia con vista esclusiva sul Vesuvio. Il nome deriva dall’arcinota leggenda dell’uovo nascosto tra le sue fondamenta dal poeta latino Virgilio. Grandi disgrazie potrebbero avvenire se quell’uovo dovesse rompersi. Meglio visitarlo con passo lieve.

Castel dell'Ovo Napoli

Castel dell’Ovo Napoli

CASTEL DEL MONTE, PUGLIA

Una magia programmata, un incanto scenografico: regista e attore protagonista Federico II, che desiderò questa fortezza come una donna, la passione lo spinse ad idearlo e seguire da vicino tutti lavori. Uno fra i castelli gotici più amati in Italia, dichiarato Patrimonio dell’umanità. Il castello ha una pianta ottagonale, così come le torri, in un richiamo reciproco rigorosamente geometrico. La “fortezza dei misteri” deve il suo soprannome al simbolismo mistico del numero otto replicato in molte parti della struttura. L’imperatore svevo che seppe stupire il mondo aveva pensato proprio a tutto: la posizione del castello crea particolari simmetrie di luce nei giorni di solstizio ed equinozio.

Castel del Monte

Castel del Monte

CASTELLO SVEVO DI BARLETTA, PUGLIA

Un’aquila che artiglia la sua preda, emblema di forza animalesca ed acutezza intellettiva. Sulle mura di questo gioiellino del Sud Italia compare nitido lo stemma della casata Sveva. Poi il tempo e le invasioni lo hanno trasformato quasi completamente, ma l’aquila continua a sorvegliare il suo territorio, vigile e attenta.

castello svevo di Barletta

Castello Svevo di Barletta

IL CASTELLUCCIO DI BATTIPAGLIA, CAMPANIA

Nota dolente per la conservazione del patrimonio culturale italiano: la “castelluccia”, così chiamata dagli abitanti della zona, è purtroppo quasi in rovina. Le mura sono ancora quelle originali del VII secolo e una torre risalente del XIII. Dalle grosse finestre è possibile ammirare l’intera Piana del Sele. Uno spettacolo concertato di Storia e Natura.

CASTELLO DI BURGOS, SARDEGNA

Prunisinda e Adelasia di Torres, due donne che trovarono una tragica fine proprio nella fortezza sarda. Un covo di straordinarie leggende, che spaventano i bambini e affascinano gli adulti, contribuendo a rendere il maniero di Sassari uno dei castelli che vale la pena visitare in Italia.

castello di Burgos

Castello di Burgos

Intrighi, amori impossibili, guerre di sangue e di terra, realtà e fantasia, atmosfere da favola e pittoreschi borghi medievali. I castelli italiani sono meta di numerosi turisti ogni anno, appassionati o semplici curiosi, che vogliono sentirsi re e regine di un passato rimasto intatto. Qui, tra le mura che hanno visto passare dinastie e generazioni nobiliari, la Storia si sente, si vede, si tocca.

Leggi anche: Spa di Lusso in Italia

This post is also available in: English Español